Droni, da domani tutti assicurati

assicurazione droni

Scatta domani 30 aprile il nuovo obbligo per i droni di avere la propria assicurazione. A stabilirlo, due mesi fa, è stato l'Enac che ha reso noto il nuovo Regolamento sui mezzi aeromobili a pilotaggio remoto, i cosiddetti APR.

In vigore da domani, il documento distingue tra due tipologie di velivoli radiocomandati: quelli dedicati a scopi ricreativi e sportivi, chiamati aeromodelli e quelli invece utilizzati per attività professionali e lavorative (gli APR).

Secondo le nuove regole, questi ultimi oltre a dotarsi di assicurazione, potranno essere guidati solo da piloti maggiorenni che hanno frequentato un corso di addestramento per ottenere il “patentino”.

Da domani dunque i circa 500 droni che volano nei cieli italiani dovranno fare i conti col nuovo regolamento. Attualmente, essi sono utilizzati per varie attività professionali in ambito civile, dalle riprese televisive e cinematografiche al controllo di grandi installazioni come reti elettriche, dighe, impianti industriali, ma anche nel monitoraggio di terreni agricoli e di aree urbane. Sono inoltre usati anche in ambito militare e istituzionale.

Non sono mancati però i dubbi tra gli operatori del settore, che si incontreranno il 24 e 25 maggio in occasione del Roma Drone Expo&Show, il primo “salone aeronautico” sui droni in Italia.

In quell’occasione, infatti, l'Enac incontrerà ufficialmente tutta la “drone community” italiana per il primo confronto dopo l'entrata in vigore del Regolamento.

Francesca Mancuso

Seguici su Facebook, Twitter e Google+

LEGGI anche:

Assicurazione anche per i droni dal 30 aprile

Facebook: droni ad energia solare per portare internet a tutti

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico