Polmoni stampanti in 3D salvano bimbo americano

polmoni stampa 3d

Salvato grazie ai polmoni stampati in 3D. Nei suoi 18 mesi di vita, il piccolo Garrett Peterson non è mai stato a casa, trascorrendo le sue giornate nei letti d'ospedale legato a respiratori meccanici che, nonostante tutto, non riuscivano più ad aiutarlo quando il suo respiro periodicamente si fermava. È stato necessario un intervento, durante il quale i chirurghi dell'Ospedale Pediatrico dell'Università del Michigan hanno impiantato dei polmoni realizzati con la stampa 3D.

In questo modo, è stato possibile aprire le vie aeree di Garrett, colpito da una malattia rara, la tetralogia di Fallot con valvola polmonare assente, che ne provoca l'ostruzione. Quella inserita all'interno del torace del piccolo, è una struttura creata con un materiale biocompatibile che entro 2-3 anni dovrebbe del tutto riassorbirsi, quando l'albero bronchiale guarirà dalla malattia.

Garrett è la seconda persona la cui vita è stata salvata da uno dei nuovi dispositivi bioriassorbibili, sviluppati presso l'Università del Michigan da Glenn Green, professore associato di otorinolaringoiatria pediatrica e da Scott Hollister, professore di ingegneria biomedica e ingegneria meccanica e professore associato di chirurgia.

È orribile non sapere quando il bambino rischia di morire. È orribile non sapere quando uno di questi episodi sta per verificarsi”, spiegano i medici. Questi ultimi hanno creato e impiantato una stecca tracheale per Garrett fatta con un biopolimero chiamato policaprolattone.

Hollister ha creato il modello 3D delle vie aeree di Garrett, progettando delle stecche appositamente adattate ai bronchi del bambino. Un dispositivo creato su misura utilizzando imaging ad alta risoluzione e programmi CAD direttamente applicati alle immagini fornite dalla TAC della trachea e dei bronchi di Garrett. Infine, è stato integrato il modello informatico basato sulle immagini alla stampa in 3D a laser.

Sappiamo che la stecca sta lavorando, è in grado di ventilare entrambi i polmoni. Sono molto ottimista per lui”, ha detto il prof. Green. La necessità di utilizzare la ventilazione meccanica per la respirazione sta diminuendo. Adesso il piccolo la utilizza solo per un quarto rispetto a prima. Per questo, i genitori stanno ora pensando di portare per la prima volta il figlio a casa, nello Utah.

La tracheobroncomalacia è rara. Circa 1 su 2.200 bambini nascono con questa patologia e la maggior parte la supera entro 2-3 dalla nascita, anche se spesso viene confusa con l'asma. I casi più gravi, come Garrett, sono circa il 10% e sono molto difficili da trattare. Anche un banale raffreddamento può risultare letale.