Project Tango: le 5 cose da sapere sul tablet 3D di Google

tablet tango

Project Tango, dopo lo smartphone Google pensa anche al tablet. In occasione della conferenza I/O tante sono state le novità targate Android, ma la più discussa è stata il nuovo tablet 3D Tango, gestito dal gruppo Advanced Technology and Projects (ATAP) che si occupa anche dello smartphone modulare Ara. Ecco le 5 cose da sapere sul nuovo tablet.

1) Un tablet spaziale

Non una tavoletta comune, dice Google, ma un prodotto spaziale, nel senso letterale del termine. Il tablet infatti sarà utilizzabile dagli astronauti in orbita creando una mappa 3D della Stazione Spaziale Internazionale e permettendo la navigazione autonoma di una piattaforma robotica mobile. L'obiettivo? Creare un assistente robotico per gli astronauti.

2) Prodotto da LG

A realizzarlo e immetterlo sul mercato nel 2015 sarà LG. Il dispositivo, su cui oggi lavorano gli sviluppatori, potrebbe essere alimentato dal nuovo processore NVIDIA Tegra K, potrebbe avere 4GB di RAM, 128GB di storage.

3) Mappare gli spazi

Come lo smartphone Ara, anche il tablet potrebbe avere sensori 3D in grado di mappare ambienti interni ed esterni con un sistema di motion tracking tridimensionale per creare una mappa visiva 3D dello spazio che lo circonda. Il risultato sarà un tablet 3D, com'è già stato soprannominato. I sensori dei dispositivi sarebbero in grado di raccogliere oltre 250mila rilevazioni tridimensionali al secondo e di tenere traccia della posizione dell'utente in tempo reale.

tablet tango1

4) Realtà aumentata

Siamo esseri fisici che vivono in un mondo 3D. Eppure, i nostri dispositivi mobili presuppongono che il mondo fisico finisca nei confini dello schermo. L'obiettivo del progetto è quello di dare ai dispositivi mobili Tango una comprensione in scala umana dello spazio e del movimento,spiega Google. Per questo il team sta lavorando con università, laboratori di ricerca e partner industriali concentrando la tecnologia in un dispositivo mobile unico, che vada al di fuori dei monitor.