Paddle, lo smartphone deformabile che funziona come un puzzle

Paddle-Smartphone

Un team di ricercatori dell'Università di Hasselt, in Belgio, ha studiato il modo in cui i meccanismi compatti utilizzati per la costruzione dei congegni tridimensionali potrebbero essere utilizzati per costruire un dispositivo sufficientemente flessibile e tale da essere trasformato da telefono compatto a tablet, secondo l'occorrenza.

Lo studio combina la flessibilità del touchscreen con le qualità fisiche che i controlli reali forniscono in un contesto mobile. Per testare il loro concept, il paddle, ovvero lo smartphone flessibile, è stato concepito come telefono altamente deformabile, in grado di essere trasformato per soddisfare le necessità degli utenti. Ad esempio, una volta piegato, è possibile sfogliarne i pannelli come se fossero le pagine di un libro.

Paddle

Paddle permette ai vari controlli fisici di coesistere in un unico dispositivo, uniti alle flessibilità del touch screen. Lo smartphone deformabile ed altamente versatile, dunque, colma il divario tra i dispositivi mobili di dimensioni diverse secondo i principi di ingegneria basati sul design tipico di un puzzle.

I progettisti di questo particolare dispositivo perpetuano così l'intento di innovazione e creatività del settore grazie ai loro disegni. Il team di Hasselt, però, è andato oltre, decidendo di rendere l'uso dello smartphone un vero e proprio gioco. E, quindi, hanno implementato un progetto simile a quello di un puzzle tridimensionale per costruire un dispositivo che può essere trasformato da telefono compatto a tablet o controller di gioco.