Smartphone: si ricaricano col movimento del corpo

smartphone movimento

Col passare del tempo, ci stiamo abituando sempre più ad avere a disposizione dispositivi a elevato contenuto tecnologico dalle dimensioni davvero contenute. In particolare, risultano degne di note le potenzialità dei più recenti dispositivi di telefonia mobile, gli smartphone. Tra le limitazioni più fastidiose per i più sofisticati, la necessità di frequenti operazioni di ricarica. Una nuova generazione di cellulari pare però avvicinarsi ora al mercato: per questi nuovi dispositivi, le batterie potranno essere ricaricate semplicemente con il movimento del corpo.

Un team di ricercatori della Wake Forest University si è infatti già dimostrato in grado di costruire un tessuto capace di trasformare l’energia prodotta dal calore corporeo e dalle variazioni del calore corporeo stesso in energia elettrica. Attualmente, la potenza prodotta si aggira intorno a 140 nW, ovvero 140 miliardesimi di Watt.

Si tratta, provvisoriamente, di una cifra largamente insufficiente per l’utilizzo proposto: basti pensare che un moderno iPhone consuma un’energia di un milione di volte superiore semplicemente rimanendo acceso. La fiducia dei ricercatori nelle potenzialità del progetto rimane tuttavia molto elevata: ora che è stata dimostrata l’efficacia del principio infatti, sostengono, esistono margini di miglioramento quantitativo estremamente ampi.

L’ottimismo ha addirittura indotto alcuni dei responsabili ad avventurarsi in una previsione che potrebbe perfino sembrare azzardata: per il prossimo futuro, si ipotizza di avere a disposizione un campione di tessuto di nuova generazione della dimensione di un cellulare a costi davvero contenuti, ovvero inferiori a 1 $. Conseguire gli obiettivi prefissati, in termini di miglioramento di efficacia e di costo, porterebbe probabilmente a ricadute di assoluta rilevanza a livello scientifico, economico, persino sociale.

Damiano Verda

Pin It

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico