Google Tv: in autunno negli States

google_tv

Il direttore generale di Google ha annunciato che la società lancerà la Google Tv negli Stati Uniti quest’autunno e l’anno prossimo in tutto il mondo, appena aumenterà la sua diffusione dai pc alle televisioni. Secondo l’amministratore delegato Eric Schmidt, il servizio, che permetterà di navigare in internet attraverso il televisore, sarà gratuito e, per portarlo agli utenti, Big G lavorerà con diversi creatori di programmi e produttori di elettronica.

Samsung e Sony, ad esempio, sono due dei potenziali partner che potrebbero lavorare con Google per portare il servizio sui loro televisori. L’annuncio arriva meno di una settimana dopo che la rivale Apple aveva svelato la sua Apple Tv, ed intensificherà la battaglia per attrarre gli utenti e per un potenziale mercato pubblicitario globale di 180 miliardi di dollari.

Schmidt ha inoltre affermato che Google, entro fine anno, annuncerà alcune partnership che permetteranno al servizio Google Tv di funzionare sui ‘tablet computers’ che utilizzano il sistema operativo Google Chrome, che verrà lanciato prima del software Android. La sede californiana di Google progetta di rendere Chrome, che gareggia con Internet Explorer e Firefox, il centro di un sistema operativo che offrirà un’alternativa a Microsoft Windows.

Da Mountain View si cercano dunque nuove strategie per battere il mercato, dopo il leggero declino sul web e dopo che le nuove tecnologie come gli smartphone ed i servizi di social network (per i primi basta solo dar retta alle ultime indiscrezioni sull'iPhone 5 firmato Cupertino) hanno oramai piantato le radici in una prospettiva di fruzione della rete totalmente futuristica.

Schmidt ha affermato che Google lavorerà con i provider di contenuti, ma non ha in programma di entrare nella vera produzione di contenuti. Schmidt non ha commentato i piani di Google per un suo social network e, se ha detto che ci sono piani per crescere nel settore della musica, non ha rivelato dettagli.

La Reuters, la scorsa settimana, ha riferito che Google sta parlando con molte etichette discografiche su un possibile negozio di musica scaricabile ed un armadietto di canzoni digitali.

Antonino Neri

Pin It

Cerca