NextMe

chip dolore2

Servirà ad attutire il dolore cronico, nei pazienti che non rispondono più ad alcun farmaco e ad altre terapie. È il nuovo microchip iniettabile, impiantato in Italia, presso l'ospedale Santa Chiara di Pisa.

Leggi tutto: Dolore cronico: a Pisa il microchip sotto pelle che lo allevia via wireless

 

pelle elettronica

Sottile come un tatuaggio, potrà in futuro memorizzare e trasmettere i dati fisici di una persona, ricevere informazioni diagnostiche e rilasciare i farmaci sotto pelle in base alle necessità. È la nuova pelle elettronica creata dai ricercatori dell'Università del Texas di Austin, il primo dispositivo indossabile in grado di memorizzare le informazioni e di rilasciare i farmaci.

Leggi tutto: Creata la pelle elettronica che fa la diagnosi e rilascia i farmaci

cromosoma sintetico

I genetisti ne sono sicuri: sostengono di aver riprodotto il primo cromosoma sintetico di lievito. Una prodezza che potrebbe aprire la strada alla biofabbricazione per lo sviluppo di combustibili e prodotti farmaceutici.

Leggi tutto: Creato il primo cromosoma sintetico

lenti contatto

Il primo rivelatore di luce che funziona alla temperatura di una stanza e che può percepire l’intero spettro infrarosso: una tecnologia del tutto innovativa che può persino essere immessa in una lente a contatto.

Leggi tutto: Le lenti a contatto del futuro consentiranno di vedere a infrarossi

cancro olfatto

Rilevare il cancro con il naso. Presto, infatti, potremmo essere in grado di ottenere diagnosi facili e precoci delle malattie semplicemente con l'olfatto. Alcuni ricercatori hanno sviluppato un congegno che rileva il cancro al seno dall'odore. Ma la possibilità si estende a molti altri dispositivi capaci di diagnosticare altre malattie.

Leggi tutto: Tumore, ecco e-nose: il naso elettronico che li riconosce dall'odore

dna spazzatur

Siamo fatti di spazzatura, lo dicono gli scienziati del Lawrence Berkeley National Laboratory della California. Anche i volti più belli sono costruiti con i pezzi di scarto del DNA. Non è una questione estetica ma puramente tecnica.

Leggi tutto: L'uomo, un mix di spazzatura (di DNA)

robot alex

Di solito sta nell'armadio ma questa volta lo scheletro finisce nello zaino. Niente casa degli orrori, si tratta dell'ultima invenzione degli scienziati dell'Istituto di Biorobotica della Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa, che hanno creato degli scheletri-robot, noti come Cyberlegs, per aiutare a camminare chi ha problemi di deambulazione.

Leggi tutto: Lo scheletro-robot finisce nello zaino

zucchero smartphone

Gli smartphone del futuro potrebbero essere alimentati dallo zucchero. Oltre a mandar giù la pillola, questa sostanza potrebbe far sì che venga prodotta l'energia necessaria a far funzionare i nostri gadget elettronici. Al lavoro un team di scienziati della Virginia Tech di Blacksburg.

Leggi tutto: Biobatterie: gli smartphone del futuro alimentati dallo zucchero

NextMe.it è un supplemento di greenMe.it Testata Giornalistica reg. Trib. Roma, n° 77/2009 del 26/02/2009 - p.iva 09152791001 - © Copyright 2009-2012

Top Desktop version