Tecnologia indossabile: ecco la pelle artificiale che comunica con lo smartphone tramite wi-fi

pelle artificiale illinois

Braccialetti o cinture che tracciano i nostri parametri vitali potrebbero essere un ricordo del passato. Gli ingegneri della University of Illinois di Urbana-Champaign e della Northwestern University hanno prodotto un dispositivo di monitoraggio sanitario simile ad un cerotto. Una sorta di seconda pelle artificiale, che aderisce perfettamente alla pelle “naturale” e che invia i nostri dati in modalità wireless a smartphone e computer.

Per tracciare i nostri parametri fisiologici, oggi vengono utilizzati sensori rigidi, batterie e altri dispositivi elettronici. La pelle, dal canto suo, è sempre in movimento per questo il settore dell'elettronica sta facendo degli sforzi maggiori per realizzare dispositivi elettronici indossabili che si attaccano perfettamente alla sua superficie.

È quello che ha fatto il team di ricerca guidato da John A. Rogers e da Yonggang Huang della Northwestern, che ha trovato il modo per incorporare i chip su uno speciale materiale sottile e flessibile, da attaccare alla pelle. La nuova ricerca arriva insieme ad un altro studio recente, che ha permesso di creare la pelle elettronica che fa la diagnosi e rilascia i farmaci.

I chip utilizzati nel nuovo dispositivo sono fatti di silicio e avvolti da un involucro di plastica e da una sottile membrana in gomma siliconica. All'interno di questo involucro, un fluido siliconico permea i chip. L'involucro in plastica dei chip isola i componenti attivi dal fluido, che a sua volta è un isolante elettrico, in modo da non influenzare il comportamento dei dispositivi.

Per assicurarsi che il dispositivo non si rompa mentre si estende con la pelle, il team ha utilizzato un design ispirato agli origami per la costruzione del cablaggio elettrico, che ha una configurazione ripiegata in grado di “aprirsi” in modo naturale, accompagnando il movimento della pelle.

Quando si misura il movimento su un dispositivo simile ad un orologio da polso, le misure del nostro corpo non sono molto accurate o affidabili accoppiate al dispositivo”, ha detto Rogers. “Il movimento relativo provoca rumore di fondo. Avendo questi dispositivi montati direttamente sulla pelle e su più parti del corpo, è possibile ottenere una serie di informazioni molto più approfondite e più ricche rispetto a quelle ottenute con dispositivi che non aderiscono perfettamente alla pelle”.

Ecco il video che mostra lo speciale cerotto: