A Taiwan il green tech del futuro: nel 2012 un 'albero tecnologico' di 300 metri

taiwan-tower-

Un albero tecnologico. Una eco-torre che sboccerà come un fiore nel centro di Taiwan. Si tratta della Floating Observatories, l'incredibile disegno messo a punto dall'architetto statunitense Mihai Carciunè, in collaborazione con i rumeni upgrade.studio e DSBA, che ha conquistato il massimo consenso durante il Taiwan Tower Conceptual International Competition.

Il progetto, dal design estremamente avveniristico, prevede al suo interno un museo, centri informazioni, uffici, una sala conferenze e un ristorante. Verrà realizzato nel 2012 e, a pochi centimetri dai trecento metri, sarà la struttura più alta di Taichung.

Dorin Stefan, partner dei DSBA, spiega come "partendo dalla conformazione geografica di Taiwan, isola assimilabile nella forma ad una foglia", si sia cercato di "sviluppare il concetto di albero tecnologico".

"Abbiamo immaginato otto foglie spaziali concepite come ascensori - sottolinea Stefan - che scorrendo lungo il tronco dell'albero possano servire da piattaforme di osservazione".

Gli otto baccelli sorreggono carlinghe contenenti dalle 50 alle 80 persone, autosostenuti da palloni gonfi d'elio, sono costruiti tramite materiali ultraleggeri e ricoperti con una membrana di ultima generazione. Se ciò non bastasse scorrono verticalmente grazie ad un potente campo magnetico. Magia, o quasi, scienza.

Se il look della torre può essere paradossalmente definito vintage per l'incredibile influenza sci-fi che suggerisce, le intenzioni dei progettisti viaggiano comunque di pari passo con la realtà, e la grande influenza dell'architettura ecofriendly è fortemente ribadita in ogni tratto della torre.

L'acqua piovana viene raccolta e riutilizzata, una stazione geotermica è usata per riscaldare ambienti e rete idrica, l'illuminazione degli ambienti inferiori è garantita da un sistema a fibre ottiche, e l'energia elettrica è prodotta da un sistema di turbine assiali situato lungo il nucleo centrale.

Grande importanza riveste anche lo studio dell'orientazione e dell'integrazione con il terreno. L'ingombro a terra è minimo e grandi spazi sono lasciati alle aree verdi; l'area uffici e servizi ha un orientamento a 360 gradi, offrendo la possibilità di minimizzare l'effetto serra attraverso l'uso di una ventilazione diretta.

A destare dubbi, tuttavia, è l'effettiva utilità di una simile grandeur, causa di un enorme investimento per un paese che, forse, necessita di altre, più concrete, innovazioni.

Alfredo Baldi

Pin It

Cerca