Sonda Rosetta: la strana forma della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko

Rosetta e Philae

Due comete legate insieme. Una rarità che la Sonda Rosetta potrebbe toccare con mano a breve. Il piccolo satellite dell'Agenzia spaziale europea è in corsa verso la cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko. Quest'ultima però potrebbe essere ben diversa da come gli scienziati se l'aspettavano, regalando a Rosetta la possibilità di trasformarsi in una deell più grandi missioni di questo decennio.

Rosetta è formata da un orbiter su cui si trovano i sensori per gli esperimenti di remote sensing, e da un lander, chiamato Philae. Quest'ultimo verrà lanciato sulla superficie della cometa per esaminarne le caratteristiche fisiche sia in superficie che nel nucleo. Un incontro estremamente ravvicinato.

E la cometa, scelta non a caso, potrebbe riservare alcune sorprese. La prima è il suo essere doppia. Le nuove immagini rivelano che la cometa, considerata finora un singolo oggetto, ha in realtà due parti ed è ciò che viene definito “binaria a contatto”.

probabile che due comete si siano “cucite” insieme, evento questo che potrebbe rivelarsi una benedizione ma anche una maledizione per la navicella spaziale, specie durante il suo avvicinamento alla cometa.

Una volta che il campo gravitazionale della cometa sarà noto, l'orbita verrà gradualmente abbassata a 30 km. Le nuove osservazioni suggeriscono che la cometa è 3,5x4 km. Secondo Eric Jurado, tecnico di Philae, la navigazione intorno a tale corpo non dovrebbe essere molto più complessa di quella attorno ad un nucleo di tipo sferico irregolare.

cometa doppia rosetta

Foto: Planetary

Ma, aggiunge, “l'atterraggio della sonda Philae potrebbe essere più difficile, in quanto tale forma limita le potenziali zone di atterraggio.”

Ad agosto, Rosetta arriverà nei pressi della cometa e ne avvierà la mappatura. L'atterraggio sulla 67P/Churyumov-Gerasimenko dovrebbe avere luogo a novembre. Nei due mesi successivi, la sonda seguirà la cometa nella sua orbita intorno al Sole che viene completata ogni sei anni e mezzo circa.

Lo scorso 4 luglio, inoltre, Rosetta ha realizzato una nuova serie di immagini che nonostante la risoluzione relativamente bassa, pari a 30 pixel, hanno mostrato la superficie irregolare del nucleo e “qualcosa che fa pensare a tre strutture in rilievo o a una profonda depressione” come ha spiegato l'Asi.

Cosa troverà Rosetta al suo arrivo? La risposta tra qualche settimana.

Francesca Mancuso

Seguici su Facebook, Twitter e Google+

LEGGI anche:

Sonda Rosetta: il primo messaggio alla Terra

Svegliati, Rosetta!

'Wake Up, Rosetta': video e flash mob per svegliare la sonda

Sonda Rosetta: 31 mesi in standby per raggiungere la sua cometa

Pin It

Cerca