L'attesa di Lovejoy, la cometa che sostituirà Ison

cometlovejoy

A detta di tutti, della cometa Ison sarebbe ora visibile solo una debole coda. Quel che ora si intravede, infatti, potrebbe essere solo una scia luminosa di detriti in viaggio. E, inoltre, non distinguibile in tutte le aree del pianeta. Tuttavia, non è il caso di disperarsi. Un'altra cometa potrebbe prendere il posto di Ison quanto a luminosità ed aspettative.

Si tratta della cometa Lovejoy o C/2013 R1, visibile in tarda notte e la mattina presto durante il mese di dicembre. Questa cometa è diventata visibile ad occhio nudo il 1° novembre. Ha avuto anch'essa il suo massimo avvicinamento alla Terra il 19 novembre, ad una distanza di circa 59 milioni di chilometri.

Ma sarà proprio il giorno di Natale il momento in cui Lovejoy raggiungerà il suo perielio, a circa 120 milioni di chilometri. Avrà, quindi, la stessa sorte di Ison? Staremo a vedere.

Nel frattempo, sono in molti ad avere catturato immagini di questa cometa. Per orientarsi a localizzarla, basta volgere lo sguardo verso il Grande Carro. Se si riesce ad individuarlo, è possibile utilizzarlo come punto di partenza per intravedere la cometa Lovejoy per tutto il mese di dicembre.

La cometa è visibile nelle prime ore del giorno. Dunque, basta orientarsi a nord est prima dell'alba per trovare l'Orsa Maggiore. Poi, occorre seguire l'arco che costituisce il manico della costellazione fino a giungere alla stella arancione Arcturus o Arturo. Una volta individuata tale stella, occorre utilizzarla come guida per giungere a Lovejoy.

Buona caccia!

Federica Vitale

Image Credit: SpaceWeather

Leggi anche:

- Le comete Ison e Lovejoy insieme in un video timelapse

- Cometa Lovejoy: cos'hanno visto gli astronauti dalla ISS?

Pin It

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico