Sciame di meteore atteso per maggio 2014

pioggia meteoriti

Lo spettacolo delle Orionidi di questo weekend ha catturato l'attenzione di quanti non hanno voluto mancare all'evento. Ma sarebbe proprio questo fenomeno ad aver suggerito agli scienziati la possibilità che una nuova pioggia di meteore di intensa frequenza possa attenderci per maggio 2014.

Proprio per quel periodo, infatti, è prevista una significativa pioggia di stelle cadenti. Si parla addirittura di mille meteore all'ora. Decisamente intenso come sciame se si considera che le cifre normali parlano dai 100 ai 400 avvistamenti ogni ora.

A generare tale intensa pioggia di fuochi d'artificio stellari la cometa 209P/LINEAR, un corpo celeste considerato periodico e scoperto il 3 febbraio 2009 dal progetto Lincoln Near-Earth Asteroid Research. La cometa acquisì il suo numero identificativo solo qualche anno dopo, a dicembre 2008.

Furono per primi gli esperti in materia Esko Lyytinen, scienziato finlandese, e Peter Jenniskens, del Nasa Ames Research Center, ad annunciare la possibilità che la Terra potesse entrare in collisione con un ingente numero di oggetti intercettati da LINEAR e che avrebbero causato un'intensa attività meteorica. Jeremie Vaubaillon, dell'Institute de Mecanique Celeste et de Calcul des Ephemerides in Francia, fa notare che “questa pioggia può essere davvero eccezionale. Secondo l'orbita attuale della cometa, tutte le traiettorie generate nel periodo tra il 1803 e il 1924 potrebbero coincidere con una collisione terrestre a maggio 2014!

Sebbene non sia possibile fornire una stima dell'intensità a causa delle scarse rilevazioni fatte in passato della cometa 209P, si può comunque affermare che l'attività sarà decisamente intensa. È quanto sostiene Mikhail Maslov, scienziato meteorico che fa da eco ai suoi colleghi.

Il fenomeno sarà visibile nella zona settentrionale della costellazione circumpolare del Camelopardalis ed è prevista precisamente per il 24 maggio 2014. Ad esserne interessati soprattutto gli Stati Uniti e il Canada. Basterà perciò attendere le ore notturne e le prime ore dell'alba per godere dell'evento.

Tuttavia, quanti non abbiano la pazienza di attendere tale data, ottobre è il mese delle Orionidi. Il picco di intensità si avrà tra il 20 e il 21 di questo mese. Basterà, infatti, rivolgere lo sguardo alla costellazione di Orione alle prime ore dell'alba. Questo sciame meteorico avviene ogni anno nel momento in cui la Terra attraversa le polveri della famosa cometa di Halley.

E allora lo spettacolo è garantito.

Federica Vitale

Pin It

Cerca