Sulla Terra il metro cubo piu' freddo dell'universo

cuore

Raggiungere 6 millikelvin, una temperatura prossima allo zero assoluto (0 Kelvin). Ad avvicinarsi al record è stata l'Italia grazie a un esperimento condotto presso i Laboratori Nazionali del Gran Sasso dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare.

Qui, una struttura di rame del volume di un metro cubo è stata portata alla temperatura di 6 millikelvin, la prima volta che un esperimento riesce a raggiungerla con una massa ed un volume di questa entità. E la struttura, dal peso di circa 400 kg, è stata per 15 giorni il metro cubo più freddo dell'Universo.

Merito dell'esperimento CUORE (Cryogenic Underground Observatory for Rare Events) nato con lo scopo di studiare le proprietà dei neutrini. In particolare, l'esperimento vuole calcolare la massa dei neutrini e dimostrare la loro natura di particelle di Majorana, riuscendo così a risolvere uno dei misteri ancora irrisolti dell'universo: l'asimmetria tra materia e antimateria.

Cuore è progettato per lavorare in condizioni di ultrafreddo: è infatti composto da cristalli di Tellurite usati per rivelare le radiazioni e progettati per funzionare a temperature di circa 10 millikelvin, cioè dieci millesimi di grado sopra lo zero assoluto.

Si tratta di un risultato importante che testimonia come la scienza italiana raggiunga un solido primato nella tecnologia del ultrafreddo grazie all’integrazione e alla collaborazione tra ricerca, università e aziende. - ha detto Carlo Bucci, ricercatore INFN e Spokesperson italiano di CUORE - La temperatura raggiunta nel criostato dell’esperimento, 6 millikelvin, equivale a -273,144 gradi centigradi, una temperatura vicinissima allo zero assoluto pari a -273,15 centigradi. Nessuno ha mai raffreddato a queste temperature una massa di materiale ed un volume simili.

Il criostato di CUORE è unico al mondo non solo per dimensioni e potenza refrigerante ma anche perché, grazie all’utilizzo di materiali appositamente selezionati e di speciali tecniche costruttive, garantisce che l’esperimento si svolga in un ambiente con bassissimi livelli di radioattività,” ha aggiunto Angelo Nucciotti, docente di fisica nucleare dell’Università di Milano-Bicocca e responsabile della progettazione del criostato.

Francesca Mancuso

Foto: Infn

LEGGI anche:

Computer quantistici piu' vicini con materia e antimateria in un superconduttore

L'INFN a caccia di neutrini con il piombo staccato da un relitto

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico