Big Bang e buchi neri: tutte falsita' secondo alcuni scienziati Usa

Buchi neri NO

Teoria del Big Bang e buchi neri tutta una farsa? Secondo Laura Mersini-Houghton dell’Università del North Carolina la matematica dimostra che i buchi neri non possono esistere e che quindi gli scienziati devono ripensare il tessuto dello spazio-tempo, e soprattutto nuove teorie sulle origini dell’universo.

“Non ho ancora superato lo shock - ha riferito Mersini-Houghton - Abbiamo studiato questo problema per più di 50 anni e questa soluzione ci fa molto pensare”. Una dimostrazione matematica metterebbe in evidenza dunque che è tutto falso. E questo perché l’esistenza dei buchi neri mette in contrasto due teorie fondamentali sul cosmo.

Infatti la teoria della gravità di Einstein prevede la formazione di buchi neri, ma una legge fondamentale della meccanica quantistica afferma che nessuna informazione sull’universo potrà mai scomparire. Gli sforzi per combinare queste due teorie portano a paradossi, e questo, afferma la Mersini-Houghton, è sufficiente a concludere che i grandi attrattori di gravità non esistono.

Naturalmente si tratta ancora di ipotesi, come d’altronde lo è anche la teoria del Big Bang, mai dimostrata e già contestata altre volte. Ma allora, come si spiega queste perentoria affermazione?

Nel 1974 Stephen Hawking aveva utilizzato la meccanica quantistica per dimostrare che i buchi neri emettono radiazione. Da allora gli scienziati hanno rilevato le impronte digitali del cosmo coerenti con questa radiazione, individuando un elenco sempre crescente di buchi neri dell’universo. Ma ora la Mersini-Houghton descrive un nuovo scenario.

Lei e la Hawking concordano sul fatto che quando una stella collassa sotto la propria gravità produce una radiazione. Tuttavia, nel suo nuovo lavoro, la ricercatrice del North Carolina avrebbe dimostrato che questa emette anche massa, non avendo più la densità tipica di un buco nero, che quindi non esiste.

Una nuova fisica cosmologica? Forse è presto per dirlo. Non ci sono infatti evidenze sperimentali di quanto affermato dalla Mersini-Houghton, che però considera questi calcoli conclusivi. Sarà così?

Il lavoro è stato inviato ad ArXiv.

Roberta De Carolis

Foto: Nasa

LEGGI anche:

- La vita aliena? Subito dopo il Big Bang

- I più strani buchi neri dell’universo

Pin It

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico