La galassia BX442 è l'antenata della Via Lattea

galassia vialattea

Scoperta la nonna della Via Lattea. Uno studio del Dunlap Institute for Astronomy & Astrophysics, della Toronto University ha trovato una galassia a spirale, chiamata BX442, che potrebbe essersi formata un miliardo di anni prima delle altre.

La maggior parte delle galassie nell'universo che hanno 3 miliardi di anni sono disomogenee e di forma irregolare. BX442 si trova a 10,5 miliardi di anni luce dalla Terra, e nacque quando l'Universo aveva solo tre miliardi di anni e le galassie a spirale erano estremamente rare.

I ricercatori hanno notato la galassia esaminando le immagini ottenute con il telescopio spaziale Hubble (HST). “Vedere questa galassia fra le galassie irregolari giovani di quell'epoca è come vedere completamente un adulto completamente formato in mezzo ai bambini delle scuole", ha detto David Law, Principal Investigator dello studio. "Il fatto che questa galassia esista è stupefacente", spiegano. "Finora si credeva che tali galassie a spirale semplicemente non esistessero in un momento così antico nella storia dell'Universo."

Inoltre, le galassie giovani non avevano ben definiti i bracci della spirale, per cui gli esperti hanno dovuto verificare se BX442 ne fosse dotata. L'immagine di Hubble sebbene ne abbia rivelato la struttura a spirale, non ha dimostrato in modo certo che essa ruota.

Per studiare movimenti interni dell'oggetto hanno utilizzato il telescopio Keck II alle Hawaii, uno dei più grandi strumenti ad infrarosso in tutto il mondo. Mentre la struttura a spirale e la rotazione della galassia sono state confermate, rimane sconosciuta l'origine di tale forma, ma una cosa è certa: BX442 è stata in grado di formare le strutture a spirale molto tempo prima rispetto alle altre galassie. "Immediatamente, abbiamo iniziato a chiederci come una tale galassia a spirale potrebbe formarsi nell'universo primordiale", ha detto Shapley, uno dei ricercatori.

Una possibilità riguarda la presenza di una galassia compagna nana. La comprensione di questo meccanismo in maggiore dettaglio potrebbe aiutare a spiegare la formazione e l'evoluzione delle spirali moderne come la nostra Via Lattea.

Gli esiti della ricerca sono stati pubblicati oggi su Nature.

Francesca Mancuso

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico