Huggable, l'orsetto robot 3D che aiuta i piccoli malati

orsettorobot

La tecnologia al servizio della salute dei bambini: si chiama Huggable l'orsetto robot 3D creato al Mit di Boston che aiuta i piccoli ricoverati in ospedale.

Nato in realtà già 8 anni fa, questa chicca della tecnologia è solo ora arrivata per una fase di sperimentazione al Children's Hospital di Boston, nel reparto di terapia intensiva e oncologia. L'orsetto robot, messo a punto dal Personal Robots Group del Massachusetts Institute of Technology, ha il compito di monitorare l'umore dei bambini ricoverati comunicandolo al personale sanitario.

In pratica, dal modo in cui i bambini giocano con Huggable, il personale medico è in grado di capire meglio cosa provano i piccoli pazienti, non solo per quanto riguarda il dolore ma anche e soprattutto il loro livello di stress e le loro ansie. Così i medici potranno completare il quadro clinico dei bimbi, stilando con più facilità le loro diagnosi.

Un primo prototipo di Huggable era stato portato in Scozia dal MIT Media Lab nel 2006 in un progetto sostenuto dall'Highlands and Islands Enterprise (HIE). Ora il team di scienziati sta lavorando con i medici di Boston con un nuovo peluche notevolmente migliorato e in grado di regalare molto più di qualche sorriso.

COME FUNZIONA – Quasi tutti i pezzi dell'orsetto Huggable sono stati stampati in 3D e il corpo è del tutto coperto da dei sensori tattili. Al suo interno c'è un pc con collegamento wireless e uno smartphone e i suoi occhi sono delle vere e proprie videocamere. In più può, utilizzare l'altoparlante del telefono, il microfono e la fotocamera per il rilevamento.

"Abbiamo sviluppato una interfaccia web per consentire a un operatore remoto (ad esempio, un educatore, il nonno, un amico, ecc) di visualizzare lo stato di robot e di richiamare i suoi comportamenti. L'interfaccia web è una combinazione tra un sito web e un sistema streaming audio e video da e verso il robot," spiegano dal MIT.