Infezioni: in futuro potremo curarle tramite gli smartphone

Infezioni - in futuro potremo curarle tramite gli smartphones

Gli smartphones aiutano i medici a scoprire i nostri batteri riflettendo il nostro universo microbico.

Lo studio condotto da un team di ricercatori della americana University of Oregon, coordinato dal professor James Meadow rivela che i nostri cellulari sono lo specchio dei batteri che portiamo nel nostro corpo, il cosiddetto microbioma, cioè la somma del patrimonio genetico e delle interazioni ambientali con la totalità dei microrganismi che popolano il nostro organismo.

I ricercatori hanno esaminato i batteri presenti sul touchscreen di un campione di individui e poi i batteri presenti sulle loro mani. I risultati hanno mostrato una elevata concordanza tra il microbioma del cellulare e quello del suo possessore. In media, tocchiamo il nostro cellulare 150 volte al giorno e questo facilita il passaggio dei batteri.

“Le dimensioni del campione erano piccoleha commentato il Prof. Meadow, – ma i risultati, benché intuitivi, sono stati eloquenti”. I microbi più abbondanti sui telefonini sono risultati appartenere a 3 generi con cui l'uomo è spesso in contatto: gli streptococchi presenti nella bocca, gli stafilococchi e i corinebatteri che si trovano sulla pelle.

Ora si pensa ad un'applicazione pratica per questa scoperta e cioè alla possibilità di utilizzare gli effetti personali come strumento non invasivo per monitorare la nostra salute.

Secondo gli studiosi, in futuro gli schermi degli smartphones potranno essere usati per tracciare l’esposizione a questi microrganismi, permettendo esami su possibili infezioni direttamente dall’analisi dei display.

Arturo Carlino

Seguici su Facebook, Twitter e Google+

LEGGI anche:

Benzina prodotta dal batterio E Coli OGM

6 cellulari su 10 sono infestati dai batteri fecali

Pin It

Cerca