La caffeina è doping

immagine

La caffeina dopa. Può potenziare i muscoli e migliora dunque le prestazioni atletiche. quanto emerge da una ricerca condotta dal dottor Rob James, della Coventry University (Gran Bretagna), presentata all'Experimental Biology 2010.

Prendendo in esame sia la forma massimale (quando il muscolo è spinto al limite della capacità) che la forza sub-massimale (la quale copre tutto il resto specie la resistenza), i ricercatori hanno sviluppato alcuni esperimenti su topi da laboratorio, somministrando loro varie dosi di caffeina.

I risultati hannomostrato come, lungo nelle zampe posteriori dei roditori, la sostanza aumentasse la potenza e la resistenza dei muscoli. "Sono bastati 70 micromoli di caffeina nel sangue per aumentare del 6% le prestazioni".

Tuttavia, Rob James osserva che "70 micromoli di caffeina è il massimo assoluto che può essere raggiunto nel plasma sanguigno di un essere umano. Concentrazioni di 20-50 micromoli non sono insolite nelle persone con elevata assunzione di caffeina".

"Ricerche precedenti- aggiunge poi lo specialista- avevano mostrato come la sostanza migliorasse le prestazioni stimolando il sistema nervoso centrale". Ma "il lavoro dell'Università di Coventry" ha rivelato invece come, "ad alti livelli, la caffeina agisca anche sui recettori dei muscoli, provocando una risposta che fa salire soprattutto la resistenza".

dunque possibile, spiegano ancora gli esperti, che una dose molto elevata, "somministrata magari mediante compresse, polvere o liquidi concentrati potrebbe rivelarsi interessante per un certo numero di atleti che desiderano migliorare le loro prestazioni". E, ad oggi, la caffeina non è nemmeno nella lista nera della WADA (l'agenzia anti-doping).

Se il futuro della 'terapia genica' è quindi ancora lontano, tanto vale godersi una calda tazza di 'Lavazza'. Come a dire: tutto di guadagnato. Eccetto chiaramente le malattie reumatiche.

Augusto Rubei

Pin It

Cerca