Riscaldamento globale: un 2011 da record per le temperature

2011 caldo

Caldo record nel 2011, secondo la Nasa. Il Goddard Institute for Space Studies (GISS) ha annunciato che quello appena passato è stato l'anno in cui si è registrata la più alta temperatura superficiale fin dal 1880, nonché uno degli anni più caldi della storia.

L'Istituto si occupa del controllo della temperatura della superficie terrestre in modo continuativo, e periodicamente rilascia analisi aggiornate. E gli ultimi dati hanno lasciato gli esperti a bocca aperta. Confrontando la temperatura del 2011 con quella media degli ultimi 50 anni del XX secolo, gli esperti della Nasa hanno riscontrato un aumento della temperatura media in tutto il mondo pari a 0,92 gradi F (0,51° C).

"Sappiamo che il pianeta sta assorbendo più energia di quanta ne emette", ha detto il direttore del GISS James E. Hansen. "Continuamo a registrare una tendenza che va verso temperature sempre più elevate. Anche con gli effetti di raffreddamento del Niño e la bassa attività solare registrata in alcuni anni, il 2011 è stato uno dei 10 anni più caldi della storia."

Tale tendenza mette alla luce il fatto che il trend di lungo periodo riguardi l'aumento della temperatura globale. A causa della grande variabilità naturale del clima, tuttavia, gli scienziati non si aspettano un incremento della temperature di anno in anno ma nel corso dei decenni. Ma a destare preoccupazione è stato il fatto che nel corso dei primi 11 anni del 21° secolo, le temperature sono state notevolmente superiori rispetto al mezzo secolo precedente e alla fine del '900, come ha confermato anche Hansen. Prima del 2011, l'anno più caldo è stato il 1998.

Ma cosa provoca questo incremento costante delle temperature? Lo sappiamo già. Il dito va sicuramente puntato contro i gas serra, soprattutto l'anidride carbonica. Questi gas assorbono la radiazione infrarossa emessa dalla Terra e rilasciano questa energia nell'atmosfera. Poiché la loro concentrazione nell'atmosfera è aumentata, la quantità di energia "intrappolata" da questi gas ha portato ad avere temperature più elevate.

Per dare alcune cifre, secondo la Nasa, il livello di anidride carbonica nell'atmosfera nel 1880 era di circa 285 parti per milione. Nel 1960, la concentrazione media era già salita a circa 315 parti per milione. Oggi supera quota 390.

E la situazione non può che peggiorare. Secondo Hansen infatti dovremmo toccare un nuovo record della temperatura media globale entro i prossimi due o tre anni perché l'attività solare è in crescita e il prossimo El Niño aumenterà le temperature tropicali del Pacifico: "sempre rischioso fare previsioni su El Niño, ma è sicuro che lo vedremo nei prossimi tre anni".

Francesca Mancuso

Pin It

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico