Egitto: la morte di Ramsete III ha meno segreti

Ramsete III

La fine del regno del faraone Ramsete III non era destinata a restare un mistero per lungo tempo. Gli antichi Egizi ci hanno lasciato una serie di documenti storici dettagliati che spiegano chiaramente alcuni dettagli fondamentali: nel 1155 a.C. i membri dell'harem di Ramsete III tentarono di ucciderlo con un colpo di Stato, ma il piano venne scoperto ed i congiurati furono processati in tribunale, condannati e puniti.

Gli scribi, però, furono vaghi su alcuni punti importanti: infatti non riuscirono a scrivere, in un linguaggio semplice, se l'assassinio ebbe successo. Gli egittologi hanno per lo più interpretato frasi criptiche come "il rovesciamento del regno", nel senso che Ramsete III in realtà morì prima del processo, ma i documenti dicono anche che la corte ricevette istruzioni dirette dal suo re. Fortunatamente gli egiziani, in quanto tali, lasciarono alla storia un Ramsete III eccezionalmente ben conservato.

Di recente un gruppo di scienziati, dopo essersi caricati un tomografo nel retro di un camion, sono entrati al Museo Egizio del Cairo ed hanno effettuato una scansione completa della mummia: le immagini hanno rivelato che la gola di Ramsete III era stata tagliata attraverso la spina dorsale, recidendo la trachea, l'esofago e grandi vasi sanguigni del collo.

I ricercatori scrivono che, mentre è possibile che la gola del faraone sia stata tagliata durante la mummificazione, "un trattamento del genere da parte degli imbalsamatori non è stato descritto in nessun'altra mummia egizia". Inoltre gli scienziati hanno notato la presenza di un piccolo amuleto nel collo, sotto la ferita, che probabilmente fu inserito dagli imbalsamatori per aiutare il processo di cicatrizzazione.

I ricercatori hanno esaminato anche una mummia senza nome sepolta vicino a Ramses. I test genetici hanno rivelato che si tratta del cadavere di uno dei figli del faraone, come gli storici hanno a lungo sospettato; altri indizi rafforzano l'idea che, in realtà, fu proprio il figlio di Ramses ad essere condannato per la cospirazione contro il re. I ricercatori hanno parlato di una sepoltura senza cerimonie (gli organi interni non sono stati rimossi ed il corpo era coperto di pelle di capra, "ritualmente impura") e l'espressione stranamente contorta ancora chiara sul viso di Ramses.

Una "testimonianza" del fatto che il figlio venne sepolto in disgrazia, e forse in castigo.

Antonino Neri

Leggi anche:

- Antico Egitto: si combatteva con armi ornamentali

- Egitto: scoperto un cratere gigante. La causa un meteorite

Pin It

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico