Nextme

Nel cuore della Terra un fossile del sistema solare

terra cuore

Nel cuore della Terra è stato ritrovato un fossile del Sistema Solare. È ancora lì, sepolto da miliardi di anni. A scoprirlo è stato un team di ricerca dell'Università del Maryland.

Si tratta di blocchi di materiale formatisi circa 4,5 miliardi di anni fa e rimasti nel mantello terrestre primitivo. Analizzando alcune rocce vulcaniche, gli esperti americani sono riusciti ad ipotizzare e a rilsare in un secondo momento alla composizione della Terra ancora giovane, con il mantello ancora in fase di formazione.

Secondo quanto spiega l'Inaf, i nuovi risultati farebbero cadere la teoria per cui le diverse componenti del guscio terrestre primordiale si fossero mescolate tra loro durante i primi (milioni di) anni di vita del nostro pianeta.

Tale processo non sarebbe avvenuto visto che, dopo aver esaminato la composizione chimica di un deposito di tungsteno, gli scienziati dell'Università del Maryland hanno dimostrato che quest'ultimo si sarebbe formato nel cuore della Terra nel corso dei primi 30 milioni di anni, dopo la nascita del Sistema Solare. E lì sarebbe rimasto.

Ne consegue che alcuni elementi, tra cui lo stesso tungsteno non si sarebbero mescolati fra loro quando ancora la Terra era nel bel mezzo della sua formazione: "A seconda della loro affinità con il ferro, infatti, gli elementi primitivi si sarebbero divisi, organizzandosi in blocchi che si sono conservati intatti per quasi 1,7 miliardi di anni" spiega l'Istituto nazionale di astrofisica.

Lo studio è stato reso noto su Science.

Francesca Mancuso

NextMe.it è un supplemento di greenMe.it Testata Giornalistica reg. Trib. Roma, n° 77/2009 del 26/02/2009 - p.iva 09152791001 - © Copyright 2009-2012

Top Desktop version