Cannoli, hamburger, fiori e una bambola gonfiabile: le 10 cose più strane inviate nello spazio

sistema-solare

Spazio: terra ignota e di continue ricerche. Di altre forme di vita ma anche di modi per noi di vivere fuori dal nostro pianeta. Così, dagli studi che cercano di ascoltare l’Universo per capirne le origini ai progetti dell’uomo su Marte, gli esperimenti si moltiplicano e nello spazio gli astronomi hanno inviato non solo rover e strumenti di misura, ma anche cose insolite. E non sempre per scopi puramente scientifici. Eccone 10.

­­Un bonsai

In collaborazione con JP Aerospace, un bonsai di pino bianco, opera dell’artista di Tokyo Makoto Azuma sospeso ad un telaio in fibra di carbonio, è partito per lo spazio. La pianta è stata inviata nella stratosfera legata a una sorta di palloncino lanciato dal Black Rock Desert del Nevada. La missione, chiamata Exbiotanica, è stata pensata dal 50enne Azuma per lanciare diverse piante in orbita, verso l'ignoto e a grandi distanze dalla Terra.

bonsai spazio

Petunie

E parlando di prove che hanno coinvolto i vegetali, ecco anche petunie nello spazio. Si tratta dell’esperimento condotto dagli studenti di Earth to Sky Calculus, che il 19 luglio 2013, proprio mentre la Sonda Cassini fotografava la Terra da Saturno, hanno spedito i fiori nello spazio, mandati in orbita anche per capire come avrebbero reagito ad un viaggio nella stratosfera, a quasi 34 mila chilometri, a bordo di una mongolfiera alimentata da elio. Un viaggio di sole 2 ore quello delle petunie, dopo un’ora paracadutate di nuovo sulla Terra.

petunie spazio

Giocattoli

Giocattoli nello spazio? Si tratta di una promessa mantenuta da un premuroso papà francese che ha deciso di accontentare i propri figli inviando nello spazio i loro giochi preferiti, filmandoli durante il loro breve viaggio di andata e ritorno verso la volta celeste. Il tutto tramite un pallone meteorologico ordinato presso un negozio con un piccolo paracadute e un tracker Gps. Gioco da ragazzi.

giocattoli spazio

Una poltrona

Stavolta per fini pubblicitari, anche una poltrona è finita a volteggiare nello spazio. Il suo viaggio è arrivato fino a 29 mila metri di quota, e le cose sono andate molto bene in volo. L’oggetto però non ha resistito al rientro: l’impatto con il suolo, infatti, le è stato fatale.

Un cannolo siciliano

Il famosissimo dolce siculo potrà vantarsi di essere andato in orbita. Un cannolo si è reso protagonista, infatti, di un’ascesa fino a 30 mila metri di quota. Realizzato in realtà in una versione non commestibile, l’oggetto è stato lanciato con un pallone sonda riempito d’elio dalla Rocca di Cerere (Enna) da tre ragazzi, che sono riusciti nell’intento con poche centinaia di euro, dopo aver pazientemente atteso 45 giorni per ottenere i permessi di volo da Enac, Enav e Aeronautica militare.

Pupazzi di Obama e Romney

Quasi per voler coinvolgere l’Universo nella campagna elettorale, un gruppo di studenti californiani ha inviato nella stratosfera due pupazzi di Obama e del suo sfidante, Mitt Romney. Le bambole sono salite fino a 36 chilometri di quota, per poi ricadere al suolo, vicine. Lo spazio, apparentemente, non si è schierato per nessuno dei due.