Vlogging, ovvero l'arte di raccontare con i video

vlog

Cos'è il vlogging? È l'abbreviazione di "video blogging", ossia la modernissima moda di fare blog attraverso un video. Il blog, è noto, è una pagina web alla quale si consegnano i propri pensieri, su base regolare o irregolare. Ora, se un blog utilizza principalmente il video per distribuire la sua visione o un messaggio, ebbene quello diventa un vlog.

Attualmente i vlog non sono ancora molto numerosi, anche perché non troppo conosciuti. Tuttavia, si pensa che non dovrà trascorrere molto tempo affinché si possano vedere in circolazione questo tipo di pagine a comunicazione visiva, dove il testo è in realtà fatto di immagini e video. Chi in genere segue i blog, sa bene che i testi sono accompagnati spesso anche dai video. Se quel testo diventa raccontato nel video stesso, il blog e il lettore diventano automaticamente vlog e telespettatore.

Il primo videoblog nacque nel 2000. Tuttavia, i primi iniziarono ad emergere nel 2004 quando cominciarono a circolare le communities di videobloggers. E sebbene oggi il vlogging sia ancora poco noto, i primi prototipi sono reperibili su Google Video e Youtube.

Alcuni lo chiamano Vidblogging, altri vodcasting. Infine, alcune persone lo definiscono semplicemente blog ma con una "v". In molti odiano il termine vlogging, sempre che se ne conosca il significato. E, più chiaramente, ci si riferisce ad esso come un “consultare un video”. Ma in qualunque modo lo si chiami, aspettiamoci che la moda del vlog imperversi sul web.

La tendenza a fare dei video e di pubblicarli online nacque nel 2000 ed aumentò notevolmente nel 2005. Cosa era cambiato nel 2005? Era nato YouTube. E, dal 2009 in poi, il popolare sito è diventato il numero 5 nella lista dei siti web più popolari. Grazie a Youtube è possibile immettere online e visionare innumerevoli vlog. Le aziende li usano per mostrare e pubblicizzare i propri prodotti. Le madri li usano per mostrare suggerimenti ed apprenderne di nuovi. È possibile farli utilizzando una semplice schermata o utilizzando una mini videocamera. Non ci sono regole stabilite per il vlogging. L'unico limite è la nostra immaginazione.

Federica Vitale

Leggi anche:

- La pubblicità? innamorata dei social network e blog

- Web: crea dipendenza come le droghe

- Come far "vedere" un video su Youtube ai non vedenti

Pin It

Cerca