Wicked Paradise: il primo videogioco erotico

Wicked Paradise

'Wicked Paradise', Paradiso Diabolico, è il primo videogioco erotico ideato da belga Jeroen van Den Bosch. L'imprenditore ha dato vita ad una azienda start-up che ha come obbiettivo lo sviluppo di videogiochi a contenuto per soli adulti. Il lancio è previsto per il 2014.

L'ideatore ha precisato che 'Wicked Paradise' è stato ispirato da giochi recenti come 'Heavy Rain' e 'The Last of Us', elogiati per la qualità dei movimenti e delle voci fuori campo, che hanno contribuito a creare personaggi realistici e dinamici con cui i giocatori possono interagire.

Wicked Paradise 1

Ma non è pornografia. "Il porno è qualcosa che si guarda, qui noi realizziamo qualcosa che si fa - ha dichiarato l'imprenditore a Nbc News – […] Abbiamo migliaia di giochi sparatutto molto ben progettati che propongono emozioni negative, terrore e paura. Ma disponiamo molto raramente di tentativi di creare emozioni positive come la passione, la seduzione e l'amore".

Questo dunque sembrerebbe il fine del gioco, che, per realizzare animazioni complesse realistiche ha speso molte energie. Secondo gli esperti infatti questo tipo di dinamica è molto difficile da mettere a punto. Infatti i videogame mostrano spesso movimenti risultano troppo irreali, per cui i giocatori sono costretti, per partecipare, a usare strumenti tecno che rendono il tutto piuttosto artificioso e poco coinvolgente.

Ma Van den Bosch è sicuro aver creato il prototipo del "primo gioco avventuroso di realtà virtuale a carattere erotico". Ha spiegato infatti che la qualità delle immagini generate dal computer è ad una risoluzione così alta che i personaggi sembrano reali. Inoltre gli utenti useranno cuffie e occhiali speciali in grado di rendere le immagini credibili.

Il confine con la pornografia comunque potrebbe sembrare sottile. Ci saranno casi di abuso?

Roberta De Carolis

Foto: Bioware

Seguici su Facebook, Twitter e Google +

LEGGI anche:

- L'oscar italiano del videogioco ad Assassin's Creed III

- Videogiochi: ad Handimatica il primo pensato per i non vedenti

Pin It

Cerca