Foldit: si gioca online per combattere l'Aids

foldit

Giocare con le proteine, si può. Basta partecipare al progetto Foldit, la nuova iniziativa ideata dai laboratori del Center for Game Science della University of Washington in collaborazione con il Baker lab. Ed è proprio giocando con i modelli 3D messi a disposizione degli scienziati, che alcuni utenti di internet sono riusciti a ricostruire la struttura di una proteina piuttosto particolare, cui da tempo gli esperti erano impegnati.

Si tratta di un gioco vero e proprio dove si collabora e ci si scontra con gli avversari. I risultati delle “partite” vengono poi inviati agli esperti di biochimica dove vengono perfezionate ed esaminate.

Ed è stato proprio per gioco che è stata scoperta la composizione degli enzimi prodotti dal codice genetico dell'AIDS.

Giocando infatti, dopo sole tre settimane, è stata realizzata in 3D la forma di una particolare proteina che appartiene alla classe delle cosiddette 'proteasi retrovirali', prodotta dal virus della scimmia di Mason-Pfizer. Conoscere la sua struttura e quella degli enzimi che vi intervengono sarà molto utile per comprendere meglio i processi di maturazione e di proliferazione dei virus, ed in primo luogo quello dell'Aids.

Alla luce di quanto realizzato fino ad ora, questo è stato il commenti degli addetti ai lavori: “Il gaming, la scienza e il calcolo possono essere combinati per fare progressi impossibili prima d'ora”.

Francesca Mancuso

Pin It

Cerca