Maker Faire: a Roma gli artigiani del futuro. Le 5 invenzioni da non perdere

Maker-Faire

Si è aperto a Roma l'atteso Maker Faire Rome, l'evento che convoglierà e sta calamitando nella capitale artigiani e creativi digitali. Fino al 6 ottobre, l'MFR verrà ospitato al Palazzo dei Congressi dell'Eur.

I protagonisti saranno oltre 200 progetti provenienti da ogni angolo del vecchio continente. Non sarà difficile, quindi, curiosando tra le invenzioni più disparate, di incappare in una stampante 3D pieghevole, in utilissimi occhiali digitali per registrare video di tutto quel che si sta osservando. Per i più atletici, invece, sarà molto apprezzato il progetto di una superbike ecosostenibile ricavata anch'essa dalla rivoluzionaria tecnologia della stampa 3D; mentre i patiti di robotica potranno deliziarsi con i robot controllabili con il pensiero o con gli indumenti in grado di cambiare colore a seconda del proprio umore.

Saranno, forse, i robot i veri protagonisti dell'MFR. Tra questi, A-ladin, il robot barista intento a prendere ordinazioni al bar, o Iromec, il robot che aiuta i bambini con difficoltà motorie a giocare e a comunicare con gli altri. Un progetto, quest'ultimo dell'Università di Siena. Ma, probabilmente, ad attirare i patiti di calcio, sarà il Robot Paratutto che ha già parato i rigori di Leo Messi. E per chi non crede ai suoi occhi, potrà vederlo all'azione proprio oggi, sempre al Palazzo dei Congressi.

Spaziando tra gli stand, anche le donne avranno il loro bel guardare. Apprezzatissima, infatti, sarà Trasformazione Est-Etica, ovvero una collezione di borse eco-friendly ricavate dalla carta riciclata. Interessante anche Lüme, un'altra bizzarra collezione di vestiti i cui ricami cambiano colore attraverso il Bluetooth.

Ma il Maker Faire capitolino non dimentica i bambini, dopo aver deliziato uomini e donne, anche per loro tante particolari invenzioni in grado di suscitare interesse e divertimento. Bare Conductive, ad esempio, sono i pennarelli con inchiostro speciale per disegnare circuiti elettrici e, magari, improvvisarsi geni dell'elettricità. Mentre giocattoli educativi saranno messi a disposizione di tutti i bambini dai tre anni in su nell'In the Box Lab.

Infine, se vi siente annoiati di utilizzare un oggetto rotto ma vi dispiace buttarlo, MFR consiglia The Restart Project, ovvero una serie di consigli su come ripararlo. Per quanti, invece, sono in trepidante attesa di possedere una propria stampante 3D, il Fab Lab del Muse realizzerà il vostro desiderio, direttamente in arrivo dal Museo della Scienza di Trento.

Insomma, ce n'è per tutti i gusti e per tutte le curiosità. Ma c'è tempo solo fino al 6 ottobre. Per ulteriori informazioni, è consultabile il sito ufficiale dell'evento.

Federica Vitale

Seguici su Facebook, Twitter e Google+

Leggi anche:

- Portiere robot contro Messi: chi l'ha spuntata? Il video

- I 10 oggetti creati con la stampante 3D

Pin It

Cerca