WWDC 2011: tutte le novità di Apple

wwdc2011

Accolto da lunghi applausi degli oltre 5.200 presenti e da un’emozionante standing ovation, è stato Steve Jobs in persona ad aprire la WWDC 2011, l’annuale conferenza dedicata agli sviluppatori di prodotti per i dispositivi Apple in scena fino a venerdì 10 giugno al Moscone Center di San Francisco. Il CEO di Apple ha introdotto le novità dell’evento 2011 con una frase molto significativa: “If the hardware is the brain and the sinew of the product, the software in the middle is the soul” (Se l'hardware è il cervello ed il tendine del prodotto, il software al centro ne è l'anima). E poi via con le attesissime novità: Mac OS X Lion, iOS 5 ed iCloud.

Il nuovo sistema operativo, una mix perfetto di Mac OS X ed iPad, conta ben 250 nuove funzionalità, tra cui le gestures multi-touch (tap-to-zoom, pinching e swiping a due dita) con cui potremo interagire con il nostro Mac con un realismo fisico mai visto prima su un sistema operativo. Gli sviluppatori si sono ispirati alle funzioni dell’iPad, che con iOS 4.3 ha introdotto delle gestures multitouch molto utili (come il gesto a cinque dita per chiudere le applicazioni aperte o a quattro dita per il multitasking). Su Lion, otterremo l’effetto delle gestures attraverso il trackpad multitouch (integrato nei portatili Apple) o il Magic Trackpad, in vendita a parte.

Un’altra interessante novità del nuovo OS è la possibilità di visualizzare le applicazioni a schermo intero. Sempre prendendo spunto dalle funzionalità introdotte su iPad, gli sviluppatori Apple hanno deciso di integrare la modalità a tutto schermo anche sui Mac. Inoltre, dal punto di vista tecnico, il supporto consentirà ai developers di sfruttare la tecnologia a schermo intero per rendere i propri programmi ancora più appassionanti. A seguire è stata illustrato Mission Control, utilissima funzione che rappresenta la fusione tra Exposé e Spaces. Applicando al Mac OS X il multitasking che raggruppa tutte le applicazioni in un’unica barra (introdotto con l’iOS 4.0), Apple ha creato Mission Control: attivandola, questa nuova funzione ci permetterà di avere una visione d’insieme di tutte le attività in corso sul nostro Mac.

LaunchPad è invece la SpringBoard dell’iPad ottimizzata per Mac, un sistema dedicato all’accesso rapido e all’organizzazione delle applicazioni presenti sul nostro Mac. Quando avviamo LaunchPad, tutte le finestre aperte sulla Scrivania scompariranno, lasciando il posto ad una schermata da cui possiamo avviare ed organizzare le applicazioni, cambiando loro posizione o raggruppandole in cartelle. Semplice e comodo.

Ha debuttato poi il Mac App Store, il negozio di applicazioni sviluppato da Apple, che è ad oggi il primo canale per acquistare software. L’App Store è stato integrato in Lion e dispone anche dell’opzione in-app purchase, delle notifiche push e di una modalità sandbox per migliorarne la sicurezza.

Per quanto riguarda invece Mail, in Mac OS X Lion l’applicazione è stata totalmente rifatta: la nuova interfaccia ci farà visualizzare a tutta altezza il messaggio selezionato, con accanto l’elenco delle email (ognuna con una piccola anteprima). Con la nuova barra dei preferiti potremo poi riunire le conversazioni in thread e visualizzare le cartelle più usate.

AirDrop è una nuova funzione di condivisione via Wi-Fi tra computer con il Mac OS X Lion. Con AirDrop, infatti, potremo condividere file con tutti i Mac vicini a noi, il che renderà la copia di file da un computer all’altro più semplice e rapida. Altra importante funzione introdotta in Lion è Versioni, che terrà traccia della cronologia di tutti i nostri documenti scattando istantanee dei file, che ci mostrerà poi accanto alla versione più recente. Potremo quindi visualizzare le versioni precedenti del nostro lavoro e, all’occorrenza, potremo anche ripristinarle.

Infine, sempre in Lion, arriva la funzione Riprendi: quando su Mac “Aggiornamento Software” ci segnalerà la disponibilità di un aggiornamento che richiede il riavvio del computer, “Riprendi ci permetterà di riavviare il nostro Mac e tornare esattamente a ciò che stavamo facendo prima del riavvio. L’aggiornamento costerà 23,99€ e sarà disponibile da luglio sul Mac App Store.

IL NUOVO IOS 5

Dopo l’illustrazione di Mac OS X Lion, sul palco è salito Scott Fostall, che ha presentato l’attesissimo iOS 5. Ecco tutte le novità del nuovo sistema operativo:

Notification Center: Con uno swipe dall’alto verso il basso dello schermo attiviamo un centro di notifiche che ci permetterà di visualizzare e gestire tutti gli avvisi di tutte le applicazioni (messaggi, email, richieste di amicizia ed altro ancora), il tutto in un’unica schermata. Durante l’utilizzo di altre app, le notifiche appariranno nella parte alta dello schermo del nostro dispositivo, senza disturbare ciò che stiamo facendo. Il Notification Center sarà disponibile anche nella Lockscreen, con il meteo e le quotazioni di borsa.

iMessage: il nuovo servizio di messaggistica è stato creato appositamente per gli utenti di iOS 5. Con iMessage potremo inviare messaggi illimitati via Wi-Fi o 3G da iPad, iPhone e iPod Touch agli altri possessori di questi dispositivi Apple. iMessagge è integrata nell’applicazione Messaggi, per cui, oltre al testo, potremo inviare anche foto, video e contatti. Con iMessagge (la cui interfaccia ricorda molto Whatsapp Messenger) saremo in grado di vedere quando un contatto sta scrivendo un messaggio e riceveremo una notifica sulla consegna di un messaggio che abbiamo inviato.

Edicola è una specie di edicola personalizzata per gestire tutte le nostre iscrizioni. Con questa applicazione potremo infatti accedere rapidamente a tutte le nostre riviste preferite, e su App Store è stata inserita una nuova sezione dedicata agli abbonamenti per giornali e riviste (acquistabili comodamente da NewsStand).

Reminder: Èun sistema studiato per gestire ed organizzare le nostre to-do list. Oltre che per gli impegni, Reminders si rivelerà utile anche per la gestione dei compleanni, con una scheda apposita che ci mostrerà nomi dei nostri amici e relativa data di nascita. Reminder funziona con Outlook, iCal ed iCloud.

Twitter: Il social network dei cinguetti è stato integrato in iOS 5 (incluse le notifiche push). Dopo aver inserito i nostri dati di accesso, potremo twittare da Safari, Youtube, Mappe, Immagini e Fotocamera. Tutto ciò è possibile grazie all’interazione di Twitter con l’applicazione nativa Contatti.

Fotocamera: Le novità prevedono la possibilità di avviare la fotocamera direttamente dalla LockScreen, tramite l’apposito tasto, abilitare la griglia, effettuare lo zoom con due dita, mettere a fuoco l’immagine con un tap e perfino scattare foto utilizzando i tasti del volume. Infine, abilitando l’opzione Photo Stream in iCloud, i nostri scatti saranno inviati automaticamente a tutti i nostri dispositivi.

Immagini: Con iOS 5 potremo modificare le foto scattate con il nostro dispositivo: potremo infatti ruotare, ritagliare, migliorare le immagini e rimuovere gli occhi rossi direttamente dall’applicazione nativa. Le foto potranno essere poi inviate a tutti i nostri dispositivi utilizzando il già citato iCloud.

Safari: Nel browser di Apple sono state aggiunte due nuove opzioni: con Safari Reader potremo leggere gli articoli eliminando i banner pubblicitari ed ogni altra distrazione, mentre Reading List ci permetterà di salvare gli articoli più interessanti per consultarli in un secondo momento. Per l’iPad, invece, è stata aggiunta la navigazione a schede, con cui potremo passare rapidamente da una pagina web all’altra.

Un’altra utile ed interessante novità di iOS 5 è PC Free, grazie alla quale non avremo più bisogno di un computer per attivare, aggiornare o ripristinare il nostro dispositivo. Tutte queste procedure potranno infatti essere eseguite direttamente dal dispositivo via Wi-Fi. Per un backup o ripristino potremo utilizzare iCloud, che ci farà procedere in maniera completamente automatica.

Mail: I miglioramenti che iOS 5 ha apportato all’app delle email consistono nella possibilità di formattare il testo (scegliendo tra Grassetto, Corsivo o Sottolineato). Potremo inoltre trascinare i nomi nel campo indirizzo per riorganizzarli ed aggiungere o cancellare cartelle nella nostra casella postale. Inoltre, potremo contrassegnare i messaggi importanti e cercare un indirizzo email anche nel corpo del messaggio. Con iCloud, infine, Apple ci mette a disposizione un indirizzo gratuito per restare aggiornati su tutti i nostri dispositivi.

Calendario: Con un semplice tocco potremo creare un evento, regolando ora e durata con il trascinamento. Potremo aggiungere, rinominare e cancellare calendari direttamente dal dispositivo, oltre a visualizzare gli allegati di un evento senza abbandonare l’applicazione nativa, mentre con iCloud potremo condividere i nostri calendari con amici e parenti.

Game Center: iOS 5 è una piattaforma perfetta per i giochi. Ogni giorno, infatti, sono tantissimi i giocatori che utilizzano il Game Center per gli Achievements, per trovare nuovi amici, giocare in multiplayer e scoprire nuovi giochi. L’applicazione avrà un nuovo look, che garantirà una migliore gestione di tutte le funzioni. Grazie al Game Center potremo inoltre scaricare giochi senza aprire l’App Store.

Con la funzione Wi-Fi Sync potremo sincronizzare il nostro dispositivo con Mac e PC utilizzando una connessione Wi-Fi condivisa. Ogni volta che collegheremo il dispositivo al caricabatterie inizierà la sincronizzazione automatica con iTunes, garantendoci sempre contenuti aggiornati.

Multitasking Gestures for iPad: In iOS 5 troveremo tante nuove gestures che renderanno la nostra interazione con l’iPad ancora più immediata. Potremo utilizzare quattro o cinque dita, uno swipe per visualizzare la barra multitasking, pizzicare lo schermo per tornare alla SpringBoard e scorrere le dita verso destra o sinistra per passare da un’applicazione all’altra.

AirPlaying Mirroring for iPad 2: Utilizzando una Apple TV potremo trasmettere in streaming via Wi-Fi dal nostro iPad 2 alla nostra tv. AirPlaying Mirroring supporta sia la modalità portrait che landscape.

iOS 5 è compatibile con iPhone 4, iPhone 3GS, iPod Touch di terza e quarta generazione, iPad e iPad 2. L’aggiornamento sarà rilasciato entro fine anno, mentre la versione beta è già scaricabile per gli sviluppatori.

ICLOUD

La terza ed ultima novità del WWDC 2011 è stata annunciata e illustrata da Steve Jobs in persona. Parliamo di iCloud, l’attesissimo servizio di streaming. iCloud in sostanza è il nuovo MobileMe, ricco di interessantissime funzioni. Si tratta di un servizio con cui Apple ci permette di creare un account personale su un server e, attraverso questo canale, possiamo salvare tutti i nostri dati ed il server li renderà disponibili sui nostri altri dispositivi. Ecco tutte le funzionalità del servizio iCloud:

Le tre funzioni di MobileMe (Contatti, Calendario ed Email) adesso fanno parte di iCloud, che ci darà la possibilità di aggiornare automaticamente tutti i dispositivi con i nostri contatti, eventi del calendario e email.

Con iCloud potremo creare gratuitamente un account di posta elettronica “@me.com” con supporto alle notifiche push. Ogni volta che arriverà una mail sarà automaticamente scaricata da tutti i dispositivi abilitati. Quando elimineremo un messaggio (o applicheremo un flag) avverrà la stessa cosa anche sugli altri dispositivi.

Calendario: Tutti gli eventi del calendario creati da un dispositivo iOS o dal nostro computer saranno automaticamente integrati e modificati all’interno delle applicazioni native su tutti i nostri dispositivi iOS. Potremo infine condividere i calendari con altri utenti iCloud.

Contatti: Con iCloud la nostra rubrica sarà disponibile su tutti i dispositivi associati: ogni volta che aggiungeremo un nuovo numero di telefono nella rubrica di un dispositivo, lo ritroveremo anche negli altri.

Apps: È stata introdotta la cronologia degli acquisti effettuati in App Store: una volta acquistata, un’applicazione potrà essere scaricata nuovamente senza costi aggiuntivi. Quando effettueremo un nuovo acquisto, poi, iCloud potrà inviarlo a tutti i dispositivi associati.

iBooks: Grazie ad iCloud avremo la possibilità di consultare la cronologia dei libri acquistati, scaricare di nuovo quelli comprati ed inviare a tutti i nostri dispositivi tutti i nuovi acquisti. In più, quando selezioneremo un testo o lasceremo un segnalibro, esso verrà automaticamente inviato a tutti i dispositivi.

Documenti: Con iCloud avremo tutti i nostri documenti, presentazioni etc. su ogni dispositivo. Il servizio aggiorna automaticamente ogni modifica apportata ad un documento, non dovremo quindi preoccuparci di salvare il nostro lavoro: potremo consultarlo comodamente da tutti i nostri dispositivi.

Backup: iCloud ci offre la possibilità di effettuare un backup giornaliero via Wi-Fi. Non si tratta però di un backup completo: potremo decidere infatti di eseguire un backup rapido, che salverà solo le piccole modifiche rilevate. Per il ripristino dei dati, sarà sufficiente collegare il dispositivo al Wi-Fi ed inserire i dati per il login del nostro account Apple. Sul nostro dispositivo appariranno musica, applicazioni, libri e dati personali.

Photo Stream: Con PhotoStream, ogni volta che scatteremo una foto o la importeremo dalla fotocamera digitale su Mac o PC, essa verrà immediatamente inviata a tutti i dispositivi associati, senza bisogno di sincronizzare o inviare manualmente.

iTunes in the Cloud: Con iCloud tutti gli acquisti su iTunes appariranno automaticamente su tutti i nostri dispositivi. Avremo poi la possibilità di scaricare gli acquisti effettuati in precedenza semplicemente consultando la cronologia degli acquisti (acquistando ad esempio una canzone dal nostro iPad, la ritroveremo immediatamente sul nostro iPhone). iCloud ci offrirà 5GB di spazio e sarà disponibile gratuitamente entro la fine dell’anno. La beta, invece, è stata già rilasciata agli sviluppatori, insieme a iOS 5 e Mac OS X Lion.

Antonino Neri

Pin It

Cerca